Esposizioni dal 1972 al 1979
 
Si ricordano negli anni esposizioni d'importante riferimento culturale con artisti di varie tendenze, tecniche diverse, sensibilitÓ molteplici che pur nella loro singolare originalitÓ , li accomuna l'amore per l'arte
     
Murer


1972
MOSTRA ANTOLOGICA DELL'OPERA DI AUGUSTO MURER

La mostra Antologica del '72 ha visto l'evolversi dell'esperienza artistica dal 1943 fino alla piena maturità negli anni di Augusto Murer. Ha avuto un significato di un omaggio, quasi un ritorno ideale, se non fisico, dell'Artista alla sua terra, dopo un vasto ciclo di esperienze, che lo hanno visto raccogliere meritati allori e consensi in ogni parte d'Italia e in molti altri Paesi.
Le sculture sono state esposte presso lo Studio dell'Artista, opera dell'Architetto Davanzo di Treviso, a Molino di Falcade (loc. Fornapiana).

Tutte le opere grafiche invece (disegni, litografie, incisioni, xilografie, ecc.) sono state collocate nelle Sale delle Mostre del Municipio.

Testi: U.Fasolo, G.Marchiori,G.Mazzotti, M.Rigoni Stern, F.Solmi, T.Zancanaro, A.Zanzotto


Zancanaro

1973 MOSTRA ANTOLOGICA DELL'OPERA DI TONO ZANCANARO

Con questa rassegna
di opere di Tono Zancanaro (dal 1931 al 1973) avvenuta nello Studio di A.Murer - Falcade ha voluto "pagare" un debito di riconoscenza all'artista padovano che, nel 1955, diede qui vita,assieme ad un gruppo di scultori e pittori realisti, ad una intensa e palpitante stagione artistico-culturale

Testo: Andrea Zanzotto


Guttuso

1974 MOSTRA ANTOLOGICA DELL'OPERA DI RENATO GUTTUSO

Nel '74 è stata organizzata una mostra che aveva per insegna "arte e resistenza" e che ha voluto contribuire ad una più profonda educazione artistica e civile della gente; che ha voluto inoltre rendere omaggio agli indimenticabili caduti i quali hanno ispirato un uomo nella sua arte ed un artista nella sua umanità, essi e tutti gli altri che per liberare l'Europa dal giogo nazista e fascista sono caduti per la libertà di tutti.
S'imponeva un nome: Renato Guttuso, artista e uomo della resistenza.

Testo:
Franco Solmi


Levi
 
1977
MOSTRA ANTOLOGICA DELL'OPERA DI CARLO LEVI

Levi
amava di più operare nel presente che dedicarsi alla "SISTEMAZIONE" del suo passato. E' accaduto così che un vasto numero di quadri, soprattutto tra quelli dipinti nei primi quindici anni della sua attività, siano rimasti inediti.
Il merito di questa mostra è proprio quello d'averne presentato un gruppo che, mentr'egli era ancora vivo, non è mai uscito dal suo studio.
Le date dellle opere esposte riuardano gli anni che vanno dal 1928 al 1937.

Testo: Mario De Micheli

Treccani
1979 MOSTRA ANTOLOGICA DELL'OPERA DI ERNESTO TRECCANI

ERNESTO TRECCANI
è stato definito "uomo che testimonia una disperata poesia" e "uomo di coerenza che diventa fedeltà, presenza fisica", si inserisce bene in questo nostro mondo, dove la natura riesce ancora a mantenere qualcosa di sincero ed integrale, dove l'uomo non è ancora diventato nè simbolo, nè numero, nè mezzo: Qui dove si può ancora vivere, cercandola e trovandola, libertà nel senso completo e meno riduttivo del termine.

Testi: Giorgio Amendola, Floriano De Santi,Vittorio SereniAndrea Zanzotto
     
   
MOSTRE